Ciao Guido

 

L’amico Guido Tovagliari ci ha lasciato prematuramente.

 

Originario di Fidenza, dopo una brillante carriera arbitrale iniziata a Parma quando era appena diciottenne, nel giro di breve Guido approdò alla serie A, dove rimase per oltre un decennio fino al 1996, quando aveva all’attivo 192 gare nella massima serie e tre partecipazioni alle fasi finali dei Campionati Italiani Universitari.

Persona molto conosciuta e stimata, Guido era attivissimo nella realtà di Salsomaggiore, località in cui era residente e dove per quarant’anni aveva lavorato alle dipendenze dell’Amministrazione Comunale: nel 1981 era stato infatti tra i principali fautori di un quadrangolare internazionale che ebbe fra le squadre protagoniste la Nazionale Seniores maschile, nonché dell’organizzazione del girone di qualificazione ai Campionati Europei della Nazionale Juniores femminile e della Finale Nazionale giovanile Under 15 maschile. Nel 1995 e nel 1996 era poi stato anche referente organizzativo per il soggiorno della Nazionale italiana maschile di Julio Velasco durante la preparazione in vista delle Olimpiadi di Atlanta, culminata con un’amichevole fra gli atleti azzurri che vide accorrere al palasport salsese oltre 2.000 spettatori.

Nel 2012 aveva ricevuto il Diploma di Fedeltà allo Sport dal Comitato Provinciale Coni di Parma, mentre tre anni dopo sempre il Coni lo aveva insignito della Stella di Bronzo al merito sportivo, riconoscimento di cui andava giustamente fiero ed orgoglioso.

 

Fortemente impegnato anche nel sociale (nel 2016, il Comune di Salsomaggiore gli aveva conferito la benemerenza civica per la sensibilità e l’impegno profuso nelle opere di volontariato a vantaggio della comunità), una volta riposto il fischietto è rimasto comunque un punto di riferimento per tutti i colleghi, come ricorda il Responsabile Ufficiali di Gara di Parma, Corrado Lombardi: «Guido è stato una delle colonne portanti del nostro gruppo arbitri, sempre presente alle riunioni ed a qualunque iniziativa si organizzasse. Si è distinto per aver messo la propria significativa esperienza al servizio dei più giovani: molti dei nostri più affermati arbitri di ieri e di oggi sono passati dai suoi tutoraggi».

 

«È sempre un dolore ricordarlo – dice di lui l’amico e collega Giorgio Pattera – ma anche un dovere darne esempio ai giovani».

 

La Commissione Regionale UG e tutto il Settore Ufficiali di Gara dell’Emilia Romagna esprimono il proprio cordoglio ai familiari.

 

Ciao, Guido.

 

 

In questa foto di repertorio, Guido Tovagliari è il secondo da sinistra, ritratto assieme allo stesso Giorgio Pattera (al centro), inossidabile collega parmense ex arbitro di ruolo A ed attualmente ancora in forza nell’organico regionale CRER, e all’indimenticato Carlo Facchettin (il quarto da sinistra, ex arbitro internazionale triestino, autore di numerose pubblicazioni tecniche su cui hanno studiato generazioni di arbitri nonché presidente del Comitato Provinciale Fipav di Gorizia fino alla sua scomparsa, avvenuta nel marzo 2012),

NOTIZIE RECENTI
  • In ottemperanza alla direttiva del Consiglio Federale, in applicazione di una disposizione già vigente per il bilancio federale 2014, così come previsto dall’aggiornamento dei principi fondamentali degli  Statuti delle Federazioni deliberato dal CONI, e con l’obbiettivo di migliorare il livello di trasparenza dell’informativa di Bilancio, si pubblica il Bilancio CONI esercizio 2016 del Comitato Regionale FIPAV Emilia Romagna.

    Leggi tutto
  • Newsletter Mondiali Volley 2018 – Pool F – Bologna – 23/09/2018 Bologna e le sue storie, Giorno 4 Il trionfo della organizzazione bolognese. Può ben gioire il COL dei Mondiali al PalaDozza. Nella Pool con la programmazione più complicata, due soli giorni per lanciare promozione e prevendita una volta note le quattro squadre partecipanti, senza l’Italia in campo e, anzi, con la sua amichevole concorrenza in contemporanea a Milano, il Comitato Organizzatore presieduto da Federico Monti si è superato. Due sold out in tre giorni: 14.250 presenze e l’incasso record di 220.500 euro fanno di Bologna una delle riconosciute capitali del volley.   Bologna gioisce per la prima vittoria dell’Australia: decisivi Williams, Mote e Smith. La Slovenia risente dei postumi del ko con il Brasile. Finisce 3-2 Bologna, 23 settembre 2018 – La Slovenia per riprendersi dopo la batosta con il Brasile che l’ha esclusa dalla corsa al primato che vale l’accesso diretto alla Final Six, l’Australia per la gloria: ovvero per provare a conquistare quanto meno il primo set della seconda fase del FIVB Men’s World Championship, dopo essersi presa il premio di squadra simpatia da parte di Bologna. Sono gli obiettivi con cui nel pomeriggio, in un Paladozza…

    Leggi tutto
  • Al Paladozza, i grandi campioni del presente incrociano quelli del passato: quelli che la storia l’hanno scritta per Bologna con la maglia della Zinella. La seconda tappa del FIVB Men’s World Championship ha offerto l’occasione di un dolcissimo amarcord: nella pausa tra le due partite della terza giornata della Pool F, che in giornata ha proposto Slovenia-Australia e Belgio-Brasile, in Piazza Azzarita sono arrivati i campioni della Mapier scudettata dell’84-85, che avevano vinto la Coppa Italia l’anno prima e poi trionfarono in Coppa delle Coppe portando in giro per l’Europa il marchio Tartarini. Tutti insieme gli ex Zinella di quelle stagioni nelle quali Bologna era una delle capitali sportive anche in ambito pallavolistico. I vari gruppi di atleti avevano un comune denominatore: erano i ragazzi di Nerio. Nerio Zanetti, scomparso nel settembre scorso, non era solo un coach. La pallavolo la insegnava, nel vero senso del verbo. Educatore pacato e maestro di vita, ha lasciato in tutta quella generazione di atleti un senso profondo di cultura e amore per lo sport di cui ancora oggi quei personaggi parlano. Sia che siano usciti dalla pallavolo, sia che la vivano ogni giorno come il dirigente Stefano Recine, oggi assente perché impegnato con…

    Leggi tutto
  • Bologna, 23 settembre 2018 – La Slovenia per riprendersi dopo la batosta con il Brasile che l’ha esclusa dalla corsa al primato che vale l’accesso diretto alla Final Six, l’Australia per la gloria: ovvero per provare a conquistare quanto meno il primo set della seconda fase del FIVB Men’s World Championship, dopo essersi presa il premio di squadra simpatia da parte di Bologna. Sono gli obiettivi con cui nel pomeriggio, in un Paladozza nuovamente sold out, con 5.250 presenti, si presentavano in campo Slovenia e Australia, intenzionate ad onorare fino in fondo il mondiale. Senza reali obiettivi agonistici, la gara vive di alti e bassi e a raggiungere il traguardo che si era prefissata è l’Australia, che trascinata da Williams, Mote, Smith e Walker vince la prima partita della sua seconda fase, nonché il primo tiebreak della tre giorni bolognese. I postumi del ko tutt’altro che indolore con i verdeoro si fanno sentire per la banda di Kovac, che entra in campo senza la verve che l’aveva contraddistinta nelle uscite delle prime due giornate. L’Australia non ha nulla da perdere ed è decisa a regalarsi un’uscita di scena da protagonista. Riparte dagli equilibri costruiti con il Belgio, con i mancini…

    Leggi tutto