Scaldarsi con il cricket

Ci sono molti modi di riscaldarsi a pallavolo prima dell’inizio del riscaldamento ufficiale. C’è chi gioca due contro due, restringendo il campo valido ai soli 6 metri della zona d’attacco. Chi improvvisa un calcetto. E poi chi, dopo aver importato nei secoli scorsi lo sport dagli inglesi nel proprio continente, gioca a cricket.

È il caso dell’Australia. I giocatori della squadra di Lebedew nelle estati libere in spiaggia si dedicano spesso alla palla ovale o al cricket. E al PalaDozza di Bologna non si sono tirati indietro nei minuti liberi del riscaldamento. Essendo la cesta di palloni Mikasa ripiena di oggetti irrimediabilmente rotondi, hanno lasciato perdere il rugby dedicandosi a divertenti sfide a cricket. Una piccola pallina di gomma, il wicket costruito alla meglio con due seggiolini chiesti in prestito ai raccattapalle, Paul Carroll e soci hanno preso come mazza il rullo di gomma del fisioterapista, quello su cui di solito rotolano la schiena a terra, e si sono cimentati in lanci per abbattere il wicket improvvisato, fra gli appalusi del pubblico.

Nonostante l’impegno dei giocatori, solo il grande tabellone segnapunti appeso al soffitto dello storico impianto bolognese è rimasto impassibile: Australia-Belgium 0-0

NOTIZIE RECENTI