Lorenzo Dallari chiude il Corso per Dirigenti Ufficiali di Gara

26042015-05

 

Con due interessantissimi interventi di Lorenzo Dallari e Claudia Fiorini sulla comunicazione e sulla leadership, domenica 26 aprile 2015 si è concluso, alla presenza del Responsabile del Settore Tecnico Nazionale U.G. Luigi Roccatto e del Docente Nazionale U.G. Marcello Gobbi, e davanti ad una folta platea tra cui spiccava il presidente del CP di Bologna Rosario Paladino, il ciclo di quattro incontri del primo Corso di Formazione per Dirigenti periferici del Settore Ufficiali di Gara, iniziativa unica nel suo genere in Italia organizzata dalla Scuola Regionale Ufficiali di Gara in collaborazione con il Comitato Regionale Emilia Romagna.

 

26042015-01

 

 

26042015-02La giornata di lavoro è stata introdotta dalla dottoressa Claudia Fiorini (foto sopra), psicologa e direttore sportivo del settore maschile della Scuola di Pallavolo Anderlini, che ha focalizzato il dibattito sul ruolo del leader e su alcuni importanti aspetti motivazionali legati alla figura dell’Ufficiale di Gara.

 

Il dialogo con la platea, moderato dal Direttore della Scuola Regionale Ufficiali di Gara, Alessandro La Mantia, ha di fatto introdotto la successiva relazione che ha tenuto banco per la seconda parte della giornata: Lorenzo Dallari (a lato), vice direttore di Sky Sport e deus ex machina del portale dallarivolley.com, ha infatti analizzato la delicata materia della comunicazione, delle tecniche comunicative e di come esse si siano evolute molto rapidamente nel corso degli ultimi anni. Dallari ha poi dedicato grande attenzione all’ormai dominante fenomeno dei social network e dell’importanza che essi rivestono in ambito prettamente comunicativo, fornendo utilissimi spunti di riflessione e suggerimenti pratici per lo sfruttamento di questa enorme risorsa.

 

 

In chiusura di giornata, il presidente del Comitato Regionale Emilia Romagna, Silvano Brusori, si è soffermato assieme allo stesso Lorenzo Dallari ed al Commissario Regionale U.G. Roberto Zardi per una breve relazione conclusiva a coronamento di questa esperienza “pilota”.

 

26042015-03

 

 

Il percorso di qualificazione, interamente dedicato ai Commissari ed ai Vice Commissari Provinciali U.G. della regione ed ai Dirigenti Federali dei Comitati Provinciali emiliano romagnoli, aveva infatti preso il via l’8 marzo 201508-03-2015 04 alla presenza del Presidente Regionale del Coni, Umberto Suprani, e del Coordinatore Nazionale del Settore Ufficiali di Gara, Domenico De Luca, che avevano affrontato tematiche di ampio respiro come la dimensione economica e culturale dello sport e la struttura delle organizzazioni sportive nazionali, ed argomenti più particolarmente specifici quali il valore delle persone e dell’organizzazione ed il ruolo e le competenze dei Dirigenti di Settore.

 

 

 

Gaspari-Righi-La Mantia Per il secondo incontro del 22 marzo, si erano avvicendati sul palco due figure di grandissimo rilievo della pallavolo giocata, ovvero l’Amministratore Delegato della Lega Pallavolo, Massimo Righi, e l’allenatore della Nordmeccanica Rebecchi Piacenza, Marco Gaspari, che assieme ai corsisti avevano approfondito gli aspetti dell’organizzazione delle attività in modo strutturato, analizzando con attenzione come la figura del dirigente sportivo possa evolversi da semplice “individual contributor” a manager, e come nell’ambito di ciascun contesto possano essere gestite le dinamiche interne ed i processi esterni.

 

L’accurata disamina di due significativi case studies è stata invece l’oggetto del terzo degli incontri in calendario: il 12 aprile è stata infatti la volta delle relazioni di Rosario Paladino, che ha portato l’esperienza del Comitato Provinciale di Bologna di cui è presidente, e di Federica Sorgato, che ha parlato del lavoro svolto come DSC_0030Commissario Provinciale U.G. di Vicenza.

 

Nel dettaglio, le riflessioni condivise con i partecipanti si erano in particolar modo soffermate sul ruolo del Commissario Provinciale U.G. come fonte di vantaggio competitivo, sulle dinamiche di reclutamento e di mantenimento del gruppo arbitrale, e sull’importanza strategica della formazione quale strumento per generare valore.

NOTIZIE RECENTI